turismo

 

Il 29 settembre si è tenuto a Siena il quinto appuntamento del percorso di costruzione del Dire Fare dedicato al Turismo. Hanno partecipato all'incontro i rappresentanti dei Comuni di: Torrita di Siena, Chiusi, Castiglion Fibocchi, Arezzo, Sovicille, San Quirico d’Orcia.

Lo sviluppo turistico regionale passa dallo sviluppo ulteriore delle destinazioni affermate (con problematiche crescenti di saturazione in alcuni centri) o piuttosto dalla valorizzazione di potenzialità finora espresse solo parzialmente? Per le città d’arte l’obiettivo è mantenere i flussi attuali: come devono modificare la loro offerta di servizi per restare competitivi nel mercato attuale? Sono questi i principali punti di domanda emersi durante il quinto inocntro del cantiere del Dire e fare Turismo. Per molti territori della Toscana invece ci sono ancora margini di crescita interessanti: sono spesso quei territori marginalmente toccati dall’espansione dell’impresa manifatturiera dei decenni passati che possono oggi puntare su un turismo che valorizzi proprio quelle identità e quei valori ambientali e paesaggistici conservati nel tempo, puntando su settori di domanda interessati ad un turismo di tipo esperienziale.

 

PARTECIPANTI