nuova stagione

LIVORNO

16 maggio 2018

 

Dire e Fare 2018 riparte dalla discussione sulle nuove politiche urbanistiche della Regione Toscana. Si comincia da Livorno un percorso di 5 incontri territoriali per affrontare i temi principali di questa nuova stagione del governo del territorio. La stagione dell'aggiornamento degli strumenti urbanistici in cui Regione e Comuni lavorano in squadra per raggiungere gli obiettivi contenuti nelle nuove normative regionali (L.R. 65/2014 e Piano di Indirizzo Territoriale con valenza di Piano Paesaggistico).

Continuare a portare il punto di vista dei Comuni nel nuovo modello del governo del territorio, in un quadro che presuppone aggiornamenti molto impegnativi per tutti, amministrazioni comunali comprese, sia dal punto di vista economico che delle risorse umane. Lo ha detto Giacomo Trentanovi, referente Anci Toscana per l'edilizia e sindaco di Barberino Valdelsa, al Cisternino di Città di Livorno all'incontro "La nuova stagione del governo del territorio", primo appuntamento dell’anno con la rassegna Dire e Fare, organizzata da Anci Toscana e Regione Toscana. L'evento ha visto la partecipazione di quasi cento persone e primo di una serie di cinque che si terranno in tutta la Toscana, con amministratori, professionisti e tecnici che si confrontano sui principali temi del settore. Trentanovi ha ricordato il lavoro del tavolo dedicato di Anci Toscana al settore, sempre molto attivo e partecipato, e ha chiesto alla Regione di tenere conto delle osservazioni dei sindaci sia sulla prossima legge idraulica (in particolare riguardo la rigenerazione urbana e le aree industriali) sia il regolamento edilizio tipo che la giunta si avvia a varare. Il sindaco di Barberino ha poi confermato l'efficacia della nuova politicha di Anci Toscana, che si sposta nei territori per incontrare e ascoltare gli amministratori ottenendo generale apprezzamento per "essersi spostati da Firenze". Il processo di pianificazione è in corso, ed è molto complesso, ha aggiunto Trentanovi, ma è un valore importante per preservare un bene fondamentale per la nostra regione, il paesaggio. "Cerchiamo di collaborare fortemente - ha concluso - e dialogare tra le diverse ammnistrazioni".

Dopo l’introduzione dell'assessore regionale Vincenzo Ceccarelli e dell'assessore di Livorno Alessandro Aurigi, si sono svolte le relazioni di inquadramento generale e sugli strumenti di partecipazione; infine la tavola rotonda, a cui hanno partecipato, oltre a Trentanovi, Mauro Agnoletti presidente dell’Osservatorio Regionale del Paesaggio e Alessandro Jaff segretario Rete Toscana delle professioni.

Scarica il programma della giornata

 

PARTECIPANTI

 

Materiali di lavoro

 

Marco Carletti
dirigente del Settore Pianificazione del Territorio della Regione Toscana
Lo stato di attuazione della l.r. 65/2014: prime esperienze applicative e prospettive future Le novità legislative 

Sabrina Iommi e Donatella Marinari
Irpet
Un database per i comuni

Cecilia Berengo
Settore Tutela, Riqualificazione e Valorizzazione del Paesaggio
Dare attuazione ad un Piano co-pianificato: i primi due anni del Piano Paesaggistico toscano

 

 

VIDEO

 

 

 

 

GALLERY